"Marcia Madonna delle Grazie" Farrò di Follina (TV)

Monday, 11 July 2011 08:07 Written by 

Rate this item
(0 votes)

Dopo l'esperienza gratificante del Week end della birra artigianale e la serata di venerdi dedicata alla solidarietà, si rientra nei ranghi e si riportano i "garreti" ad attività meno soddisfacenti (vista soprattutto la calura del periodo!!) ma più consone al "rango" (!!?) dei nostri atleti. Domenica 10 luglio dedicata alla tradizionale gità fuori porta, nella splendida cornice delle zone del prosecco doc, a Farrò di Follina (TV), per la 15° edizione della "Marcia Madonna delle Grazie", organizzata dal gruppo sportivo Valsana in collaborazione con la pro loco locale. Gli effetti della birra artigianale continuano a imperversare e i nostri si presentano con poco spirito di gruppo. Il Bepi nella sua casetta di montagna a sbrigare le faccende domestiche, Ale ancora in quel di Maiorca alla ricerca esasperata procedere con "obliterare" il biglietto, gli altri sotto l'ombrellone impegnati a fare i conti con gli effetti indesiderati della troppa bevanda al luppolo ingurgitata, i soli Andrea, Fabio ed i nuovi arrivati Gianni e Tecla (.......i gà nà gamba che i ne sotèra!!) a timbrare il cartellino per i nostri colori. Partenza ore 7:30 e arrivo in sito alle 8:30 con temperatura che preannuncia una vera giornata di passione e sofferenza. Calura da incubo con 26° C e sole con afa da capogiro. Iscrizione con ritiro pacco gara (crostata di marmellata) e riscaldamento ( ........ anca se non ghe jera certo bisogno!!). Partenza ore 9 con circa 500 unità anche se una buon numero si è già incamminato dato il carattere non competitivo della corsa. Il solo Andrea decide per la 12 km mentre gli altri, sapientemente, optano per la 6 km risparmiando le coronarie dal rischio infarto. Fatti i primi 2 km, inizia la prova di forza con salite durissime sui colli dipinti da vigneti di prosecco in ogni dove e, fortunatamente, con ristori numerosi e ben forniti. Il percorso dei 6 km dopo un paio di km di salita riporta velocemente gli iscritti alla partenza mentre il tratto dei 12 km si inerpica su tratti sempre più impervi e resi ancor più duri dall'afa presente a livelli opprimenti. La fortuna aiuta comunque i temerari fornendo un pò di refrigerio con ampie zone ombrose del bosco presente lungo il percorso. Il rientro inizia verso il 7 km e la fatica incomincia a farsi sempre più pressante con il serpentone di partecipanti in fila indiana a salire con la lingua sui piedi e la testa a caracollare quasi si fosse nel Sahara. Colpo al cuore finale, l'ultimo km, con, cigliegina sulla torta, salita leggera ma costante da trassecolare e a dare il colpo di grazia ai malcapitati. Si arriva alla ricerca di un pò di refrigerio sotto la pineta della zona di partenza e con tappa fissa al ristoro finale. L'anguria bella fresca viene letteralmente "fumata" dai partecipanti. Bella corsa nonostante il meteo. Voto alla corsa e organizzazione 9 (se organizzata nel mese di giugno meriterebbe un bel 10). Alla prossima.

foto corsa: guarda

Read 2270 times

Leave a comment

Make sure you enter the (*) required information where indicated. HTML code is not allowed.

Cronache del passato

MarciaVenezia

Marcia Venezia

https://marciavenezia.weebly.com/

 

Affiliato UISP

 Comitato di  Venezia