"Marcia tra le colline e i castagni" Tarzo (TV)

Tuesday, 24 July 2012 00:00 Written by 

Rate this item
(0 votes)

Domenica 22 luglio e appuntamento podistico in quota, per la precisione in quel di Tarzo (TV). L’occasione è quella della 39° edizione della “marcia tra le colline ed i castagni”, non competitiva del concorso Trevisando organizzata dalla pro loco locale. Per i nostri ritrovo ore 7:30 con presenti Ale, Andrea e Fabio mentre il Vittorio, impegnato nel turno lavorativo, trasmette, via etere, la benedizione al pupillo in vista di probabili cedimenti legati alle difficoltà dell’impegno di giornata. Arrivo in sito ore 8:30 con iscrizione e ritiro pacco gara (confezione di caffe da 250 gr). Il meteo propone condizioni ideali con sole splendente in cielo e temperatura vicina ai 20° C ma con buona ventilazione e umidità quasi assente. Vestizione e breve riscaldamento. Partecipanti a occhio circa un migliaio. Tre i possibili percorsi di 6 km, 12 km e 18 km (reali poco più di 17,5 km e dislivello di circa 600 mt) con partenza alle 9:00 in punto. Dopo le gentili raccomandazioni intimidatorie del Vittorio, i nostri vanno obbligatoriamente per il lungo onde sottoporre i garreti al giusto “carico” di allenamento. Fatti i primi 500 mt e già si parte con le “danze”. La prima salita propone un assaggio a quel che sarà il motivo dominante della corsa. Continui saliscendi da infarto con pendenze che, in certi passaggi, avrebbero fatto un baffo a quelle dell’ascesa allo Stelvio. I nostri, con le pulsazioni fuori controllo e con non poca fatica, tengo duro stringendo i denti (………Ale anca tuto el resto!!). Il solito impenitente, reduce da una notte a 200 all’ora in riviera romagnola, a base di mojiti e gin-tonic, in un punto particolarmente difficile, colto da carenza di ossigeno globale totale e con principi di crampi al popò alle porte, scivola giù per una scarpata procurandosi lacerazioni e ferite stile rambo e con rottura all’elastico della mutanda pancierata. Ma con il pensiero sempre rivolto al “maestro”, il puttino si ridesta prontamente e riparte alla grande (……. anca parchè el scomissiava a sentire i primi e soiti movimenti de’ corpo!!). I ristori, ben distribuiti ed in buon numero, la frescura dell’ombra dei boschi e gli scorci panoramici, come sempre da cartolina, riescono a dare un po’ di meritato sollazzo ai partecipanti ripagandoli ampiamente dalle fatiche di giornata. Le articolazioni tengono botta fino alla fine dell’impegno con i nostri che giungono al traguardo in un tempo di poco inferiore alle due ore secondo gli obiettivi prefissati. Ristoro finale con immediato reintegro dei liquidi a base di anguria bella fresca “ad libitum” che “…… a ndava zo come rosolio!!”. Con i nostri a mò di orda barbarica a razziare il carico di 10 qli di anguria (…….. par poco no’ i se magnava anca i covertoni del camion!!), si raccolgono le impressioni confermando l’esperienza come evento da ripetere pure il prossimo anno. Voto alla corsa e all’organizzazione 9,5. In alcuni punti del percorso una carente segnaletica ha portato alcuni atleti a sbagliare strada ma visto il carattere non competitivo dell’evento ci può certamente stare. Alla prossima.

foto corsa: guarda

Read 2054 times

Leave a comment

Make sure you enter the (*) required information where indicated. HTML code is not allowed.

Cronache del passato

Affiliato UISP

 Comitato di  Venezia