"Maratonina Città di Scorzè" Scorzè (VE)

Monday, 11 August 2014 08:24 Written by 

Rate this item
(5 votes)

Sabato 9 agosto con appuntamento podistico serale. A Scorzè (VE), dopo la positiva esperienza della passata edizione, alcuni dei nostri atleti hanno preso parte alla 5° edizione della “Maratonina Città di Scorzè”, evento competitivo con organizzazione a cura dell’Atletica Libertas Scorzè. Ritrovo ore 19:00 con presenti Andrea, Ale e Rudi mentre direttamente sul posto, intorno alle 19:30, si aggregano pure Carlo e Gianni (impegnato nella staffetta-famiglia con l’Irene). Ritiro pacco gara e via alla vestizione. Lo speaker preannuncia il record di presenze per l'evento con 80 squadre impegnate nella staffetta e oltre 500 atleti iscritti alla mezza. Breve riscaldamento e, vista l’ora, è già il momento di partire. Ma a qualche secondo dalla partenza, ecco la prima scontata sentenza. Il Pupillo(ancora afflitto dalla sindrome della “Corsa del Trenino” e il maestro che tarda a fornirgli l'antidoto!!) è colto da un macabro presentimento e istantaneamente verifica l’esatta collocazione dell’unità mobile del 118 (….chel sia deventà sensitivo??). Serata con meteo tendente al sereno ma con afa, caldo e una temperatura intorno ai 28° C. Ore 20:30. Viene dato il via. I nostri decidono per un inizio gara di conserva impostando un ritmo corsa alquanto controllato e mantenendo l’eventuale riserva di energie per il secondo tratto di gara. La corsa come tradizione prevede due giri di un percorso stradale che dal centro di Scorzè porta verso nord fino alla frazione di Rio S.Martino per poi invertire la rotta e far ritorno nel centro città. Primo giro e già si materializza il ritiro annunciato del pupillo. Appena superato il giro di boa, in centro paese si ode un boato e non certo per l'orchestra impegnata nella serata di festa. Il prescelto, con le gambe simili a due pezzi di roccia modello “Stonehenge”,  è costretto suo malgrado ad alzare bandiera bianca e a soccombere all’ineffabile destino. Una prima parte di gara un po' troppo generosa con ritmo corsa di qualche secondo al di sopra di quello programmato e siamo ai titoli di coda. La sindrome della Corsa del Trenino (appello al maestro:”…qua ghe xe bisogno del to famigerato tratamento speciae onde per cui datte da fare!!”) miete una nuova vittima. Secondo giro con calura e afa a farsi sempre più pressanti. Con stridore di denti, i nostri tengono comunque botta fino alla fine mettendo in saccoccia un risultato di squadra che, vista la scarsa abnegazione alla corsa degli ultimi tempi, rispecchia le attese e fa ben sperare in vista dei prossimi impegni. Particolare menzione va inevitabilmente all’amico Carlo che, al suo secondo test nella mezza maratona, riesce a concludere in un tempo sotto le due ore. Grande prova pure dell’inossidabile Gianni che, alla luce delle condizioni meteo non certo ottimali, sfodera la prestazione portando a termine la frazione di staffetta con un rush finale degno di quelli a cui ci ha abituati il Pupillo dei tempi migliori. Ristoro finale all’altezza della situazione con frutta fresca e bibite, il tutto spazzolato a dovere dai nostri. Finale di serata passato al pasta party a recuperare le energie spese durante la corsa. Pure il pupillo non si tira indietro. Pur se abbacchiato dalla debacle di giornata, il prescelto mette in seria difficoltà la struttura di spinaggio birra non adeguatamente dimensionata per dare il giro alla richiesta di bevanda al luppolo avanzata dal prescelto. Voto alla corsa e all’organizzazione 8. Alla prossima.        

foto corsa: guarda

Read 1714 times

Leave a comment

Make sure you enter the (*) required information where indicated. HTML code is not allowed.

Cronache del passato

MarciaVenezia

Marcia Venezia

https://marciavenezia.weebly.com/

 

Affiliato UISP

 Comitato di  Venezia